Chi siamo

C’è la collana di narrazioni Wildworld, che è stata inaugurata nel marzo del 2018, e c’è questo sito/blog la cui compagine è idealmente allargata a interpreti del nostro tempo non direttamente coinvolti nel progetto originario, ma interessati ad aprire più di un fronte di riflessione sui nuovi mezzi indispensabili, oggi, per esplorare il nostro mondo selvaggio fuori alle mappe novecentesche e lanciare una rivoluzione in campo editoriale e letterario.

Due sono i versanti d’interesse principali: il modo in cui verità e menzogna si implicano nella formazione dell’opinione pubblica e delle sue narrazioni; il funzionamento di quella parte del sistema editoriale che lavora proprio sulle narrazioni.

Oltre a interventi a cuore aperto sulla realtà, riflessioni sulla cronaca e cronaca delle riflessioni, notizie dal mondo del libro, recensioni di opere a tema con l’interesse degli autori e tutto il crocevia di sentieri selvaggi del pensiero sempre sul filo della vertigine, il sito si caratterizza per l’uso di podcast audio e video al posto del tradizionale racconto o dell’intervento d’occasione. Almeno, per ora.

Il gruppo di scrittori
Il primo nucleo di scrittori coinvolti nel progetto Wildworld si è incontrato nel giugno del 2017 presso il rifugio “Nello Conti” ai Campaniletti (Alpi Apuane): ne facevano parte gli autori Marco Aragno, Mario Bramè, Marco Mantello, Giulia Seri e l’editore Giulio Milani. A quel primo momento di condivisione, si sono sommati nel tempo i consigli, le integrazioni, gli spunti di altre persone a diverso titolo interessate allo sviluppo originario del progetto, come lo scrittore Demetrio Paolin e il critico letterario Lorenzo Marchese, oltre al contributo di quanti sono entrati a far parte della collana negli anni successivi o si sono uniti alla discussione intorno ai nostri libri e alla nuova poetica della «realtà possibile».

A oggi la redazione è composta da: Marco Aragno, Mariangela Ballardini, Mario Bramè, Luca Cherubino, Luca Fassi, Viviana Fiorentino, Giulio Milani, Marco Patrone, Federico Leo Renzi, Giulia Seri, Davide Sisto, Michela Srpic, Veronica Tomassini.

Responsabilità

Il sito/blog “Wildworld – Cronache e bugie dal mondo selvaggio” raccoglie testi e interventi di natura letteraria, a scopi culturali e senza alcun fine di lucro. I materiali sono pubblicati nell’esercizio della libertà di pensiero, espressione e informazione garantita dalla Costituzione.

Nel contesto letterario i personaggi sono inventati e quanto vi accade non ha mai avuto luogo nel modo che si racconta: agli eventi di cronaca è stata inflitta una curvatura che li travalica; i riferimenti a “persone esistenti e a fatti realmente accaduti” costituiscono lo schema utile a intercettare, per interposto autore, sensibilità e fenomeni collettivi: vengono lanciate, da qui, delle ipotesi romanzesche che non hanno e non vogliono avere alcun valore documentario.
I nomi, i ruoli, gli asterischi e gli omissis presenti in queste pagine non sostituiscono un luogo o un nome o un ruolo precisi come nei romanzi a chiave, dove fatti veri sono attribuiti a personaggi in maschera, ma sono dei marcatori per sottolineare la sostanziale intercambiabilità dei luoghi, dei nomi e dei ruoli nella serialità delle notizie e del loro mercato: i fatti attribuiti, perfino quando sembrino riconoscibili, rappresentano l’esercizio di una forza inventiva che supera la realtà. La scrittura romanzesca di eventi realistici, come la loro rielaborazione nel processo di mediazione che le è proprio, non passa infatti dalla presunta oggettività dei mezzi di informazione di massa né dal rispetto della verosimiglianza propria del diritto di cronaca, ma, semmai, dal lavoro di manipolazione specifico del letterario: in questo modo il perturbante, il paradosso, l’estraneo e il surdeterminato rappresentano i mezzi per offrire una visione tesa all’affermazione di ideali e di valori che possano trovare riscontro in una molteplicità di persone; là dove l’autore racconta invece sé stesso per interposto fatto di cronaca, risemantizzando un’esperienza indiretta collettiva.

La responsabilità degli articoli (“post”) è dei rispettivi autori, che ne rispondono interamente e legalmente. L’autore di ogni post è dichiarato sotto il titolo dell’articolo.

Ciascun autore si accerterà, prima della pubblicazione del proprio post, della esatta situazione di copyright o copyleft dei materiali che intende inserire, propri o altrui. È responsabilità dell’autore del singolo post verificare che non esistano impedimenti di copyright o diritti da assolvere in alcun modo per la pubblicazione del materiale, oppure procurarsi le liberatorie necessarie e inoltrarle alla Redazione, che si impegna a cancellare immediatamente materiali postati per sbaglio senza consultare le fonti (e le condizioni di copyright delle stesse), ma non risponde in nessun modo – né economico né legale – di errori di singoli autori.

I diritti di proprietà intellettuale dei testi e delle immagini appartengono ai rispettivi autori, indicati negli articoli e nelle raccolte per categoria.

La responsabilità dei commenti agli articoli è degli autori degli stessi commenti. La pubblicazione di un commento, anche in seguito a operazioni di moderazione, non implica in alcun modo adesione ai suoi contenuti da parte della Redazione. Commenti offensivi, diffamatori, lesivi della persona o personali verranno automaticamente cancellati.

1
Ricevi aggiornamenti tramite WhatsApp!
Powered by